NostroFiglio.it il sito web per mamme e papà sulla gravidanza, i neonati e i bambini, svezzamento, divezzamento o alimentazione complementare, i segnali che dicono che il bambino è pronto, inizio svezzamento: cambia qualcosa se l'allattamento è al seno o artificiale, svezzamento tradizionale, lo schema dei pasti, le regole per non stressarsi durante lo svezzamento, I segnali che dicono che il bambino è pronto, Lo svezzamento segna il primo distacco dalla mamma, Svezzamento o autosvezzamento? Una pratica e veloce guida sull'allattamento dalla A alla Z ... essenziali sono molto importanti sia per la madre che per la crescita e lo sviluppo del sistema nervoso centrale del neonato e servono, in particolare, alle strutture cerebrali e retiniche. 4 Niente latte vaccino prima dei 12 mesi (a meno che non sia quello usato in preparazioni alimentari tipo purè). Non lo conoscevo, bella idea! È chiaro però che non si tratta di attendere l'ora X per infilare a forza un cucchiaino con la pappa in bocca al bambino. "Poco alla volta i bambini si abituano a nuovi sapori e nuove consistenze, ma all'inizio continuano a prendere la gran parte dei nutrienti di cui hanno bisogno dal latte materno o di formula" chiarisce il pediatra Franco De Luca, pediatra oggi libero professionista (già pediatra di comunità in un consultorio romano), presidente del Centro Nascita Montessori. Sono loro che danno orari a te casomai.Puoi tentare a fare regole quando sarà più grandicello. Ma anche se il latte era artificiale, la sua somministrazione non va certo interrotta bruscamente: per diverso tempo l'alimentazione del bambino continua a rimanere prevalentemente lattea. Ha 4 mesi, il tuo seno è fonte di affetto, calore e coccole. Per esempio - chiariscono Nastri, Pagani e Vania - può succedere che il piccolo sia arrabbiato con la mamma che è stata al lavoro tutto il giorno e non vuole mangiare. Stasera, ad esempio, alle nove gli ho dato il latte. Pubblicità - Spesso rimane lamentoso perché in realtà avrebbe ancora sonno ma se lo rimetto nella culla piange. E armandosi di santa pazienza: può darsi che un bambino rifiuti un alimento anche 10 o 20 volte prima di accettarlo! Così, se ci sembra che a pranzo il bambino abbia mangiato una buona quantità di carne, non riproporremo anche a cena degli alimenti proteici. Crescono in fretta, vedrai che è solo una fase. Chi siamo - Mio figlio ha 2 anni e passa e ancora si addormenta abbracciato con me. Istruzioni per l’uso La confezione contiene 1 flacone ed un contagocce. Quanta? "Da una parte va sicuramente sostenuta, quando si manifesta, la capacità del bambino di prendere le cose con le mani e portarle alla bocca. Posso dirti che con pazienza, tutti i bambini si regolarizzano. Abbiamo sempre dormito nel lettone con la spondina, siamo stati benissimo, quando è diventato troppo ingombrante e movimentato l'ho messo nel suo letto e ci è sempre stato senza problemi. jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela5¦386955¦91625lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_96')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"urn¦mtanoe-o3-idem-am-isc--emo-etafiovd-a-railglged--irarof-i8695d13fa#9tsop-95-1386-9555na,62wst-rer,odaole¹" º apslc nsa"=soitca-nerap"tnpsiR¹no¦ºid¹naps ¦ºaps¹n', 'af_jsencrypt_97'), Noi abbiamo attaccato il lettino a sbarre, senza una sponda, al lettone. Quando iniziare? O meglio, dormirebbe di più se lo tenessi in braccio, mentre nella culla regge poco (salvo giornate eccezionali). Dalla nascita all'inizio della scuola primaria, sono tante le prime volte di un bambino. Io non so come fare a dare degli orari ad un neonato che decide lui se e come vuole dormire... io sono esausta, jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela5¦386955¦91425lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_88')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"urn¦mtanoe-o3-idem-am-isc--emo-etafiovd-a-railglged--irarof-i8695d13fa#9tsop-95-1386-9555na,42wst-rer,odaole¹" º apslc nsa"=soitca-nerap"tnpsiR¹no¦ºid¹naps ¦ºaps¹n', 'af_jsencrypt_89'). Troppa ansia rischia di comprometterlo e di creare problemi come la non accettazione dei nuovi alimenti. Ce la spiega il pediatra ligure Alberto Ferrando nel suo libro Come nutrire mio figlio (Edizioni LSWR 2017): "Il latte assunto dal neonato non basta più a soddisfare completamente i suoi bisogni nutritivi e, quindi, è necessario colmare la carenza di ferro, proteine, vitamine con alimenti che li contengano. Ci sono attualmente due scuole di pensiero rispetto al tipo di alimentazione da proporre al bambino per lo svezzamento: lo svezzamento tradizionale, con pappe (anche se non ci sono più gli schemi rigidi di una volta) e autosvezzamento o alimentazione complementare a richiesta. Lo ha ricordato un articolo pubblicato di recente dall'Associazione americana dei pediatri sulla rivista Pediatricss: Conclusione: già all'inizio dello svezzamento tutti gli alimenti possibili (ovviamente non tutti insieme, costringendo il bambino a una maratona di sapori), in base alla preferenza del bambino e alla cultura gastronomica della famiglia e del pediatra. Se invece si fa autosvezzamento, per De Luca il punto è avere semplicemente qualche accortezza in più. "Oggi si consiglia di aggiungere alle pappe 40-50 grammi di alimenti proteici (carne, pesce, legumi, formaggio), ma anche queste sono quantità esagerate" afferma Caroli, che sta coordinando un nuovo documento sullo svezzamento della Società italiana di pediatria preventiva e sociale (SIPPS). Ma attenzione: non c'è nessuna ragione medica che giustifichi questo grande anticipo. 😂, jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela5¦386955¦91025lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_72')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"urn¦mtanoe-o3-idem-am-isc--emo-etafiovd-a-railglged--irarof-i8695d13fa#9tsop-95-1386-9555na,02wst-rer,odaole¹" º apslc nsa"=soitca-nerap"tnpsiR¹no¦ºid¹naps ¦ºaps¹n', 'af_jsencrypt_73'). "Svezzamento e divezzamento sono sinonimi, ed entrambi fanno riferimento all'idea di "staccare il bambino da un vizio, cioè poppare al seno o al biberon" spiega Ferrando. Alcuni pediatri suggeriscono comunque di proporre al bambino alimentato con formula qualche assaggio di verdura cotta e passata dopo il quinto mese, per abituarlo a sapori nuovi. La Società europea di gastroenterologia, epatologia e nutrizione pediatrica (ESPHGAN) e l'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA), per esempio, riconoscono i sei mesi come momento ideale per l'introduzione di altri cibi oltre il latte, pur contemplando la possibilità di rimanere in una finestra compresa tra i quattro e i sei mesi. Sara Honegger nel libro Un mondo di pappe spiega come vengono svezzati i bambini nei vari Paesi. Tutto il resto è caos!In generale più migliora la notte (in media un solo risveglio) più mi sta sveglia di giorno..però anche li, di solito fa pisolini da 10 minuti e oggi mi ha dormito un'ora di fila..Trovo anche estremamente difficile allungare il tempo fra le poppate..se piange perché ha fame per me è impossibile lasciarla piangere e il ciuccio non lo prende. Insomma è un eterno compromesso tra le abitudini che non vorrei dargli e la necessità di dargliele per sopravvivere... jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela5¦386955¦91815lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_64')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"urn¦mtanoe-o3-idem-am-isc--emo-etafiovd-a-railglged--irarof-i8695d13fa#9tsop-95-1386-9555na,81wst-rer,odaole¹" º apslc nsa"=soitca-nerap"tnpsiR¹no¦ºid¹naps ¦ºaps¹n', 'af_jsencrypt_65'). L unico modo è uscire a passeggiare, cosa che faccio sempre ma è chiaro che posso farlo una volta al giorno e non a ogni poppata, jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela5¦386955¦91715lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_60')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"urn¦mtanoe-o3-idem-am-isc--emo-etafiovd-a-railglged--irarof-i8695d13fa#9tsop-95-1386-9555na,71wst-rer,odaole¹" º apslc nsa"=soitca-nerap"tnpsiR¹no¦ºid¹naps ¦ºaps¹n', 'af_jsencrypt_61'). Bambini e acqua: quando devono cominciare a berla? La sera lo cullo in braccio, poi lo poso lì e lui dorme sentendomi vicina, ma almeno non stiamo tutti schiacciati nel lettone (anche perché lui dorme con le braccia larghe stile Gesù in croce). Da una ventina d'anno a questa parte, però, gli studi scientifici a disposizione hanno portato a mettere in discussione questa credenza e oggi le raccomandazioni sono radicalmente cambiate. Doppia pesata? Sento comunque molte mamme che riescono a spostare i bambini a 6-7 mesi, dopo lo svezzamento se proprio con il bambino a letto non si riposa bene. "Il problema c'è - ammette Piermarini – ma credo che bisognerebbe cominciare a vedere l'autosvezzamento come un'opportunità per invitare i genitori a rivedere e migliorare la propria alimentazione. Dimenticavo, al mattino se si sveglia dopo le 5:30/6 (per la cacca) la vestiamo e iniziamo a riaccendere le luci, prima invece manteniamo la fase notte.Di giorno se è con me si addormenta solo uscendo in fascia (non tutti i giorni ma fa 1 pisolino al mattino e 1 o 2 al pomeriggio, ma dipende molto ancora dalle poppate e da quando io riesco ad uscire... Anche se lei inizia a toccarsi un orecchio e a strofinarsi gli occhi). jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela5¦386955¦91925lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_108')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"urn¦mtanoe-o3-idem-am-isc--emo-etafiovd-a-railglged--irarof-i8695d13fa#9tsop-95-1386-9555na,92wst-rer,odaole¹" º apslc nsa"=soitca-nerap"tnpsiR¹no¦ºid¹naps ¦ºaps¹n', 'af_jsencrypt_109'). È una delle preoccupazioni principali dei genitori, soprattutto se alle prese con l'autosvezzamento. "Non è una tragedia né per lui né per voi se si ritarda un po' l'inizio dell'alimentazione complementare". "Per questo si parla anche di alimentazione responsiva, che pone al centro della gestione del bambino il bambino stesso e i suoi bisogni" spiega De Luca. Dipende anche dal carattere. Parola di Ilaria Giulini Neri e Giacomo Cagnoli. Autosvezzamento significa lasciare che il bambino si svezzi da solo durante i pasti dei genitori, chiedendo e ottenendo piccoli assaggi di tutte le portate. Se lo tengo in braccio può durare di più. Oggi si preferisce dunque parlare di alimentazione complementare, che tra l'altro dà maggiormente l'idea di un passaggio graduale da un'alimentazione lattea a cibi solidi. In questo modo, si adeguerà insensibilmente alla dieta e agli orari della famiglia. Il mio consiglio è di farlo quando sono presenti sia la mamma sia il papà, così entrambi possono condividere la gioia – e anche un po' la fatica – di far mangiare il bambino" afferma Caroli. D'altra parte oltre al gusto c'è tanto da esplorare anche in fatto di consistenze... Qualunque sia la via scelta, bisogna stare attenti a non commettere uno degli errori più comuni dello svezzamento, cioè l'eccesso di proteine, che si associa a un aumento del rischio di sviluppare obesità infantile. Alcune legate ai suoi tempi di sviluppo e maturazione, altre a esigenze sociali e culturali. Guarderò sicuramente! ci sono giorni in cui dorme due ore dopo pranzo, altri che fa micro pisolini di 20 minuti e poi sta sveglio altre tre ore... sere che alle 9 ha sonno e altre che alle 23.30 sta ancora giocando sul divano... notti che si sveglia una volta e altre si sveglia ogni ora per fare una ciucciata veloce... io lo lascio fare, anche perchè se non facessi un po' come vuole piangerebbe  però allattando a richiesta non potremmo fare diversamente, io seguo i suoi ritmi e aspetto che allunghi un po' i tempi... c'è da dire però che la notte fa la sua mangiata in 10 minuti e lo rimetto subito a nanna, non mi tocca star sveglia le ore! L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda la prosecuzione dell’allattamento esclusivo al seno fino ai 6 mesi circa, età attorno alla quale i bambini vengono solitamente svezzati. Non so, ho letto di tante mamme che anche a pochi mesi hanno tutte orari molto precisi o comunque che riescono a dargli una routine. "Meglio cominciare con brodini e consistenze semifluide, più facili da gestire per loro, per passare via via a consistenze più solide" consiglia Caroli. "Se il bambino, sano, ha fame, mangia. E mentre si mangia non si fanno altre attività, tipo correre o giocare.Alcuni cibi sono più a rischio di altri: per esempio quelli piccoli, lisci e tondeggianti come arachidi, chicchi d'uva, pomodorini, olive, nocciole, oppure quelli appiccicosi, come un boccone troppo grosso di prosciutto crudo, o quelli sodi o filamentosi come carota e finocchio (crudi). Crediti La sera bo... a volte sono riuscita ad addormentarlo alle nove, a volte alle dieci, a volte devo andare nel letto insieme a lui perché non è cosa.Insomma, io orari fissi proprio non riesco ad averne perché non è che se io voglio che dorma, lui dorme. Fino a non molti anni fa si pensava che il modo migliore per prevenire il rischio di allergie alimentari nei bambini fosse quello di ritardare il più possibile l'introduzione dei cibi potenzialmente allergizzanti, come pesce, uova, pomodori, fragole e frutta secca. Per questo, l'Organizzazione mondiale della sanità lo raccomanda fino al secondo anno di vita e anche oltre, se la coppia mamma-bambino lo desidera. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. "Non c'è nessuna indicazione rigida sul momento della giornata in cui va proposta la prima pappa. Comunque non dormono quando vuoi tu ma quando hanno sonno E in quello usare gli orari del sito mi è servito molto. Perché non fare anche qualche tentativo in questa direzione? E quei pochi che li hanno, puoi mettere la mano sul fuoco che nei mesi successivi verranno stravolti. Video irresistibili, notizie e tanto divertimento: il meglio di Alfemminile è anche su Facebook. ... in maniera sistematica nel neonato (in particolare nel prematuro), nel lattante, nella donna in gravidanza ... per 4-5 mesi. In effetti, mentre il sapore del latte materno cambia in base all'alimentazione della mamma, quello del latte artificiale è sempre uguale. Leggi articolo, Fino a quando allattare? 3 Niente miele prima dei 12 mesi: potrebbe contenere spore di botulino che il sistema immunitario del piccoli non è ancora in grado di debellare. La sera per settimane le ho messo il pigiamino sempre alla stessa ora, lei mi ha vista cenare sempre alla stessa ora (e spesso ha poppato contemporaneamente) e solo andata in camera da letto con luce soffusa sempre alla stessa ora (le 21) /21:30) lei si addormentava a volte dopo 1 ora, altre dopo 2 (anche provando ad anticipare) ma ho continuato così finché non è stata lei a ricercare questo "rito" alle 19:40/19:45. Leggi articolo, Varietà, fiducia, pazienza, buon esempio e poco altro ancora: tutto quello che serve per garantire al bimbo un passaggio sereno e senza traumi all'alimentazione "da grandi". di vitamina D 3) nell’ultimo trimestre di gravidanza. gocce al giorno (pari a 750-1.000 U.I. © Copyright 2021 Mondadori Scienza Spa | P.IVA 09440000157 | R.E.A. Il bambino si rifiuta di mangiare: come comportarsi, manovre di disostruzione delle vie aree pediatriche, Autosvezzamento, le 11 cose FONDAMENTALI da sapere, deglutire bene gli alimenti (avendo dunque. jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela5¦386955¦91215lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_40')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"urn¦mtanoe-o3-idem-am-isc--emo-etafiovd-a-railglged--irarof-i8695d13fa#9tsop-95-1386-9555na,21wst-rer,odaole¹" º apslc nsa"=soitca-nerap"tnpsiR¹no¦ºid¹naps ¦ºaps¹n', 'af_jsencrypt_41'), faciamo certi presuposti per arrivare alla conclusione: pazienza, troverete il vostro ritmo!1 tutti i bimbi sono diversi2 nei primi mesi aprendono tanto e cambiano abitudini in fretta: ora che capisci cambia3 non sempre il cercare significa fame ma finche impariamo a conoscereli siamo sempre lì con la tzitza facendo a volte saltare tutto ma non è detto che il bibe aiuti4 non siamo in grado di autocalmarci prima di provare a calmare loroio ho sempre alattato a richiesta finche ho dovuto vestirmi con lui attaccato per corere in ps perche stava attaccato troppo e peggiorava il reflusso di cui soffre, poi gli ho imposto non meno di 2 ore tra le poppate.un simile "orario" ho conquistato solo avviato lo svezzamento: 4 pasti ma di notte a richiestaper quanto riguarda il sonno ha cambiato sempre orari ma dopo 8 mesi diciamo che indovino 90% delle vote che e ora di fare nannatutto cio x dire che ci sono bimbi che sono orologi svizzeri dopo 2 settimane, alcuni che devi lottare x farceli arrivare, altri che non lo capirano ne anche dopo sposati poi ce il mio: si agli orari ma non tassativi perché haTANTO CARATTERE: se nonvuole mangiare adesso devi aspettare quei 5 minuti finche decide lui che è ora di mangiare, se invece ha sonno o fame e vuoi prima fare pipì Guai a te!